Questo sito utilizza i cookie per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Navigando su questo sito inoltre vengono scritti e/o letti sul tuo browser anche cookies gestiti da terze parti. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. ACCONSENTI

Regalare crediti ai clienti è un'ottima idea marketing per migliorare le vendite online

Nel pannello che Newcart mette a disposizione dei propri clienti per la gestione di un e-commerce è presente una funzione che può tornare utile in diverse occasioni: l’attribuzione di un credito. In sostanza di una somma di denaro che è possibile spendere sul vostro negozio online.

Qualcuno si starà chiedendo perché regalare una determinata cifra possa portare dei benefici ai propri affari. La motivazione sarà più chiara dopo alcuni esempi, ma in buona sostanza basterà smettere di considerare il credito come un’uscita ed iniziare a vederlo come un’occasione.
Un’occasione per portare visite ed iscrizioni al sito, un’occasione per fare un po’ di “rumore”, un’occasione di risolvere una problematica con un cliente (perché possiamo essere i più bravi del mondo nel campo commerciale, ma un problema, un’incomprensione, un malcontento può presentarsi quando meno ce l’aspettiamo), un’occasione per moltiplicare gli ordini (e proporzionalmente incrementarli) o semplicemente risvegliare l’interesse di qualche cliente che magari non effettua acquisti da un po’ con azioni mirate.

La prima idea che viene sul ricavare qualcosa di buono dalla concessione del credito è quella pubblicitaria. Azioni del tipo “registrati e riceverai subito 10 € da spendere sul nostro sito” sono molto utilizzate e garantiscono un effetto immediato in termini di risultati. Perché suscitano interesse, portano iscrizioni e quindi potenziali clienti da fidelizzare nel tempo, consentono di ricevere uno o più ordini. In quest’ultimo aspetto Newcart dà al gestore del sito la possibilità di scegliere in che percentuale il cliente finale possa usufruire del credito rispetto al totale dell’ordine. Ciò permette di spalmare su più ordini la cifra elargita…cosa che oltre ad essere positiva per l’aspetto puramente monetario, ci darà la possibilità di vendere allo stesso cliente più cose. Avremo quindi più occasioni di fargli vedere come lavoriamo, quanto sono buoni i nostri prodotti, quanto ci teniamo a seguirlo nel post vendita ecc…
Avremo dunque più frecce nel nostro arco, poi naturalmente come scoccarle starà all’abilità di ognuno.
Questo tipo di azione inoltre può essere gestita in automatico in Newcart. Come illustrato nell’immagine sottostante, una volta impostate con pochi e semplici input le regole che riteniamo più opportune, il vostro sito attribuirà in automatico il credito al cliente iscrittosi e sempre in automatico ne gestirà l’utilizzo delle somme restanti.

screen

 

Una campagna del genere poi porta sostanzialmente a far parlare del sito e quindi rafforzarne il brand.  E c’è una cosa letta da qualche parte, qualche tempo fa che è tremendamente vera ed utile per distinguerci:


Ricorda: il tuo brand non è ciò che tu dici ma quello che le altre persone diranno di te!


Un’altra azione che si può mettere in pratica utilizzando questa funzione è quella che mira a risvegliare l’interesse di qualche cliente che magari non compra da un po’ sul nostro sito. Facendo una promozione one 2 one con un messaggio del tipo “ciao Pippo abbiamo deciso di omaggiarti con 5 € di credito spendibile sul nostro sito se effettuerai un ordine entro il…
Nel settaggio delle impostazioni riguardanti il credito su Newcart si può infatti indicare anche la scadenza del credito assegnato a tutti gli utenti oppure anche singolarmente.

Infine un aspetto importante come gli altri, se non di più, riguarda il post vendita. Il credito può essere utilizzato come strumento per risolvere una problematica con un cliente dopo una spedizione o per lenire un malcontento sulla qualità o le aspettative riguardanti un prodotto. Commettere un errore può capitare a tutti, porvi rimedio però ci distingue rispetto ad altri e-commerce. Può succedere di spedire un prodotto al posto di un altro, di averne sbagliato il colore o che magari la foto e le informazioni proposte possano essere state non troppo chiare per il cliente che magari si aspettava qualcosa di diverso. In tanti casi come questi sarebbe buona norma (in alcuni è definita per legge) far rientrare il prodotto a proprie spese e sostituirlo. Significa costi di spedizione, tempo e costi di preparazione di un nuovo ordine, pratica da gestire per il nostro servizio clienti. Proporre al cliente di tenere comunque il prodotto, scusandoci per l’accaduto ed offrendogli un tot di credito da spendere sul nostro sito in un successivo ordine può lenire il malcontento, servire a conservarci il cliente, avere una seconda occasione per dimostrargli che non è nostra abitudine commettere errori e consentirci di risparmiare costi sulla gestione del reso del prodotto. Se una proposta del genere viene accettata, l’evento fastidioso si trasforma in un'opportunità. La cosa più odiosa per chi acquista online è non trovare attenzione dopo un acquisto se qualcosa non è andato per il verso giusto e predisposizione alla risoluzione del suo problema.
Insomma l’attribuzione di un credito è uno strumento che può essere sfruttato al meglio, sta alla vostra politica commerciale utilizzarlo nel modo migliore.

Per saperne di più vi invitiamo a consultare il tutorial  Come assegnare un credito ai nostri clienti

Segui NewCart.it su Google+

up down Ordini realtime sui nostri E-Shop
  • fa
    ordine da :
    Prodotto Ordinato:
  • fa
    ordine da :
    Prodotto Ordinato:
  • fa
    ordine da :
    Prodotto Ordinato:
  • fa
    ordine da :
    Prodotto Ordinato:
  • fa
    ordine da :
    Prodotto Ordinato:
  • Ultime 24 ore
    ordini
    euro di fatturato
  • Ultimi 30 giorni
    ordini
    milioni di fatturato
  • Ultimi 3 mesi
    ordini
    milioni di fatturato
  • Ultimi 12 mesi
    ordini
    milioni di fatturato